USD Real Forte dei Marmi Querceta | Frenata Real, al GhiviBorgo basta un episodio
1632
post-template-default,single,single-post,postid-1632,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Frenata Real, al GhiviBorgo basta un episodio

Frenata Real, al GhiviBorgo basta un episodio

REAL FORTE QUERCETA: Adornato, Maccabruni, Maffini (64’ Bani), Lazzarini (81’ Baracchini), Del Dotto, Guidi v©, Giani (74’ Amico), Biagini © (74’ Mariani F.), Di Paola, Doveri, Pegollo. A disp.: Balestri, Bellandi, Fortunati, Rossi, Bonati. All.: Amoroso.

GHIVIZZANO BORGOAMOZZANO: Pagnini, Fazzi, Piccardi, Bartolini © (77’ Nottoli v©), Messina, Gregov, Belluomini (64’ Nieri), Muscas, Cargiolli (90’+4’ Gautieri), Chianese (86’ Felleca), Brunozzi (57’ Baggiani). A disp.: Abbrandini, Polacchi, Puviani, Viti. All.: Venturi.

TERNA ARBITRALE: Giacometti (Gubbio), Piomboni (Città di Castello), Carrucciu (Parma).

RETI: Cargiolli (28’).

AMMONITI: Maccabruni, Guidi, Biagini; Pagnini, Brunozzi, Baggiani.

ESPULSI: Maffini (90’+1’, dalla panchina).

 

Sulla scia della vittoria di Rimini, torna al “Necchi-Balloni” il Real Forte Querceta di Amoroso, nelle stesse vesti risultate vincenti in Romagna, quelle del 4-3-1-2, con le sole differenze dovute ai rientri di Guidi e capitan Biagini. Di fronte, un GhiviBorgo reduce dalla prima caduta del post-Lavezzini, così Venturi si affida alla novità Cargiolli, preferito a Felleca. Mossa vincente, perché al 28’ la gara si sblocca proprio con la rete dell’ex capocannoniere del girone B di Serie D, servito da uno scavetto di Muscas. Gol estemporaneo che si rivelerà fatale e beffardo, perché in termini di occasioni create la formazione di casa non ha affatto sfigurato, anzi ha sicuramente creato di più e le prodigiose parate di Pagnini ne sono una dimostrazione. Se il numero 1 non si scomoda in maniera eccessiva sul destro di Doveri dopo 20 minuti, maggiore reattività gli è richiesta sul mancino di Di Paola alla mezz’ora, quando si salva con un piede. Nella ripresa scende in campo la variabile che non ti aspetti, soprattutto in una giornata soleggiata: una marea di nebbia improvvisa e aggressiva, capace di riversarsi nell’intero litorale con un’insistenza impressionante. Di conseguenza visibilità compromessa ma comunque sufficiente riprendere a giocare e il canovaccio non viene stravolto, perché i locali appaiono più pimpanti e, pur senza eccelsa fortuna, sono due le conclusioni di Di Paola in avvio, anche se l’occasione più grande del momento capita tra i piedi di Cargiolli e serve un grande Adornato per tenere vivi i suoi. La risposta del solito Di Paola è immediata, ma Pagnini è attento e probabilmente anche qualcosa in più nei minuti seguenti, quando salva prima sul tiro dalla distanza di Pegollo e poi in maniera del tutto prodigiosa sull’incornata ravvicinata dello stesso attaccante, indirizzata sotto la traversa. Porta stregata e nel finale prende il sopravvento il nervosismo, complice un calcio di rigore reclamato a gran voce dai bianconerazzurri su trattenuta ai danni di Mariani, mentre l’arbitro poco prima si era avvicinato alla panchina per mostrare il cartellino rosso a Maffini, che dunque salterà il prossimo impegno. Real Forte Querceta chiamato a una nuova sfida interna questa domenica, contro un Sasso Marconi in cerca di punti e chiamato a dare continuità alla vittoria sul Progresso.