USD Real Forte dei Marmi Querceta | Un eurogol beffa il Real Forte Querceta
763
post-template-default,single,single-post,postid-763,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Un eurogol beffa il Real Forte Querceta

Un eurogol beffa il Real Forte Querceta

PRATO: Bagheria, Gentili, Tomi ©, Carli, Giampà (Fanucchi dal 57’), Diana, Regoli (Cecchi dal 90’+4’), Mariani (Gargiulo dal 57’), Fofana, Surraco (Bassano dall’88’), Diarrassouba (Ghini dal 57’). A disp.: Piretro, Sciannamè, Casati, Cellini. All.: Esposito.

REAL FORTE QUERCETA: De Carlo, Bertoni (Fantini dall’86’), Angelotti, Biagini ©, Tognarelli, Guidi, Maccabruni (Maffini dall’86’), Lazzarini (Belluomini dal 75’), Di Paola, Doveri, Amico. A disp.: Manfredi, Giovanelli, Credendino, Fazzini, Musacci, Minichino. All.: Florio.

TERNA ARBITRALE: Ferrieri Caputi (Livorno), Pischedda (Torino), Bernasso (Milano).

RETI: Surraco (79’).

AMMONITI: Guidi.

 

In un pomeriggio non troppo mite ma parzialmente soleggiato, cade di misura il Real Forte Querceta sul comunale di Montemurlo, dove a imporsi sono i locali del Prato, grazie alla rete di Surraco nella seconda frazione di gioco. Ben poco da segnalare, invece, in un primo tempo piuttosto monotono che vede prevalere le solide difese a tre: il Prato si dispone secondo un 3-4-3, con Surraco e Diarrassouba alle spalle di Fofana; dall’altra parte, complice l’assenza forzata di Falchini, Amoroso si gioca la carta Amico, per servirsi delle doti tattiche di Doveri, uomo-tramite posto a dialogo fra il centrocampo e l’unica punta Di Paola.

A dare la scossa ai locali è capitan Tomi, a cui al 35’ viene respinto un buon tiro, poi ci prova Regoli, ma De Carlo para. L’ultima azione degna di nota arriva allo scadere e ancora una volta è Tomi il protagonista, che approfitta di un’uscita a vuoto del portiere per beffarlo di testa; però il numero 3 biancazzurro non ha fatto i conti con Tognarelli, pronto a sventare il pericolo. De Carlo ha comunque l’opportunità di rifarsi pochi istanti più tardi, con una bella respinta sul tentativo di Surraco.

Nella ripresa le due formazioni escono allo scoperto, infiammando le rispettive tifoserie, finalmente anche quella ospite. Al 65’, infatti, il giovane Lazzarini si ritrova solo contro il portiere avversario ma, proprio sul più bello, pecca di lucidità e se la fa respingere; poi Biagini non centra lo specchio sulla ribattuta. La risposta del solito Tomi non si fa attendere, perché su calcio da fermo colpisce la traversa, lanciando un segnale importante al numero 1 bianconerazzurro. Dunque la gara si accende, ma non si sblocca fino al 79’, quando il Real capitola sull’eurogol di Surraco, bravo e fortunato dall’out di destra a sorprendere De Carlo, con un bolide che va a incastonarsi sotto la traversa. Negli ultimi minuti la formazione versiliese ha la possibilità di agguantare il pareggio, in primis con Amico, lanciato sulla sinistra, e il portiere si supera in una gran parata; sul conseguente corner, invece, è Regoli a immolarsi sulla linea per negare il gol a Doveri. Nel recupero nuovi applausi per il classe ’01 Bagheria tra i pali, pronto sulla conclusione deviata di Guidi e infine Di Paola non risulta decisivo.

Grande rammarico, in definitiva, per il Real Forte Querceta, che nonostante agonismo e grande impegno al triplice fischio deve uscire ancora una volta sconfitto dal terreno di gioco. Come ha sottolineato Florio nel post-partita, però, c’è la consapevolezza di aver disputato una buona gara, contro un’ottima squadra (al momento ai vertici del girone) e di aver perso per un gol fortuito. Quindi i presupposti per far bene ci sono e domenica prossima vedremo se sarà quella buona per il riscatto, contro il Verbania reduce dal rinvio dell’impegno con il Bra.

 

Michele Marianelli